GRUGLIASCO OPEN

la vera trasparenza è un patto tra i cittadini e il Comune

Premessa

Tutti i comuni e le Amministrazioni Locali italiane, compresa quella di Grugliasco, vivono una fase di profonda difficoltà. I tagli provenienti da Stato e Regioni hanno ridotto enormemente le risorse disponibili; l'impossibilità di assumere, anche a fronte di numerosi pensionamenti ha ridotto il numero di dipendenti e bloccato l’inserimento di energie e competenze giovani; la crisi economica spinge i cittadini a chiedere lavoro, opportunità, sicurezza prima di tutto ai loro comuni, anche quando questi temi non possono essere affrontati dai singoli enti locali, ed in un quadro di rapporti sempre più conflittuali fra cittadini e Amministrazioni pubbliche.

In questo contesto crediamo le parole chiave intorno cui far muovere l’azione amministrativa debbano essere “alleanza” “patto” “comunità”:

  • alleanza con altri Comuni, per provare a trovare forme di gestione dei servizi più efficaci e che permettano di affrontare la riduzione del personale e delle risorse;
  • alleanza con le imprese e le altre istituzioni territoriali (Città Metropolitana, Regione) per affrontare la sfida dello sviluppo economico del territorio;
  • alleanza, soprattutto, con i cittadini, cui bisogna raccontare ciò che l’Amministrazione fa, render conto di come vengono spese le poche risorse disponibili, con i quali bisogna andare oltre la logica del controllo, per costruire nuovi patti, alleanze appunto, che permettano di orientare in modo condiviso l’azione della città (per decidere ad esempio su quali ambiti investire, come riorganizzare i servizi etc…).

LE NOSTRE PRINCIPALI PROPOSTE

1
“In Comune...da casa tua” completamento dei percorsi di digitalizzazione dell'Amministrazione per permettere ai cittadini di effettuare le pratiche senza andare in comune;
2
“sportello amico”, ovvero realizzazione di un unico “sportello polifunzionale” di front office, sia per le imprese e i professionisti, che per i cittadini";
3
“sportello diffuso” ovvero la possibilità per alcune fasce della popolazione di avere alcuni servizi nella propria borgata una volta al mese;
4
“Comune condiviso” riorganizzazione della macchina comunale in dialogo con altri Comuni per gestire in modo condiviso alcuni servizi (con particolare attenzione ai servizi socio-assistenziali, le politiche per lo sviluppo economico, il lavoro, il turismo, le funzioni di polizia locale ed i servizi all'infanzia);
5
Progetto “Dalla trasparenza al dialogo”. investimento in comunicazione per raccontare ciò che l'Amministrazione decide/fa, con attenzione ai nuovi strumenti di comunicazione e soprattutto all'uso di linguaggi e forme di comunicazione comprensibili e chiare, perché la trasparenza non sia solo formale (in questo senso possono essere usati più strumenti, dal giornale, agli incontri pubblici, a smartphone e social network, con l'obiettivo di rendere trasparente l'azione amministrativa a partire dai conti pubblici);
6
Progetto “Open Grugliasco. Oltre la trasparenza verso la cittadinanza monitorante”. investimento in percorsi di partecipazione dei cittadini ai processi decisionali dell'amministrazione sia nella logica della compartecipazione alle decisioni; sia nella logica della conoscenza e del controllo delle decisioni che vengono assunte su temi diversi. Il primo oggetto di lavoro potrebbe essere il Piano Anticorruzione che ogni Amministrazione è chiamata a realizzare, avviando un percorso di “Cittadinanza Monitorante” che coinvolga un gruppo di cittadini nello sviluppare e migliorare le politiche di trasparenza, di contrasto alla corruzione e mala-amministrazione, anche in alleanza con le associazioni nazionali che da anni fanno sperimentazioni su questi temi (Libera/Gruppo Abele; Open government; Civico97; Università di Pisa, Avviso Pubblico…);
7
la “Carta di Identità del comune” costruzione di un percorso partecipato, dentro e fuori l'Amministrazione, per la realizzazione di una carta dei valori/carta di identità della città che ridefinisca l'alleanza (partendo dai comportamenti e dai servizi offerti al cittadino) fra Amministrazione e cittadini;
8
obbligo per tutti i membri di una eventuale nuova giunta di sottoscrivere la “Carta di Avviso Pubblico”, codice etico che impegna gli Amministratori in modo chiaro su alcuni temi fondamentali come: contrasto a conflitto di interessi, clientelismo e pressioni indebite; trasparenza degli interessi finanziari e del finanziamento dell’attività politica; scelte pubbliche e meritocratiche per le nomine interne ed esterne alle amministrazioni; piena collaborazione con l’autorità giudiziaria in caso di indagini e obbligo a rinunciare alla prescrizione ovvero obbligo di dimissioni in caso di rinvio a giudizio per gravi reati (es. mafia e corruzione).

 LA PRIMA COSA DA FARE PER LA PROSSIMA AMMINISTRAZIONE
LA PRIMA DELIBERA

Attivazione Sportello Amico con completamento lavori e attivazione del servizio

L’INNOVAZIONE POSSIBILE

progetto “Sportello amico. io al Comune do del tu”

 

Il cuore del progetto è un investimento sul servizio di relazione e comunicazione fra l'Amministrazione e il cittadino che, partendo da un nuovo sportello polifunzionale, vada nella direzione di:

  • maggior comprensibilità e trasparenza di ciò che l'Amministrazione fa (attraverso comunicazioni puntuali sulle scelte e la destinazione delle risorse ed attraverso percorsi di compartecipazione alle decisioni);
  • maggior facilità nel dialogo con l'Amministrazione (attraverso digitalizzazione, elasticità orari e diffusione del servizio sul territorio);
  • sostegno al cittadino ed alle imprese (attivando Sportello alle Imprese, Consulenza Legale, Sportello al Consumatore).

 

Il percorso prevede

  • completamento dei lavori per spostare l’attuale Sportello alla Città sotto la Biblioteca Comunale ed apertura del nuovo lo Sportello Unico al Cittadino
  • trasferimento di tutti i servizi di sportello e contatto con il cittadino di ciascun settore dell’Amministrazione in questa sede, in modo da avere un unico punto di dialogo fra cittadino e Amministrazione: dai Lavori Pubblici ai Servizi per l’Infanzia, dall’Urbanistica al Commercio (ad esempio il SUAP, Sportello Unico alle imprese, lo sportello di Consulenza Legale, lo Sportello del Consumatore, le Iscrizioni a mensa scolastica, Centri estivi, soggiorni Marini..)
  • implementazione dei servizi on line per la richiesta/presentazione di documenti e certificati per ciascun settore del Comune che li richieda (Procedimenti Suap, Ambiente,  Anagrafe,  Asilo Nido, Cultura,  Edilizia Urbanistica,  Lavori Pubblici, Polizia Locale, Scuola e Istruzione,  Servizi Alla Persona, Tributi…)
  • trasferimento dei servizi di Sportello, una volta al mese, con appuntamenti e su tematiche selezionate, sul territorio, nelle borgate, in modo da dar la possibilità ai cittadini con maggiori difficoltà di accedervi più facilmente
  • realizzazione di servizi informativi di racconto e rendicontazione dell’attività del Comune attraverso strumenti e linguaggi fruibili e comprensibili a tutti (eventi, giornale, pagina facebook, nuova pagina della trasparenza…) e realizzazione di campagne informative e percorsi partecipati su temi specifici (ad esempio il Bilancio Cittadino, Il Piano del Traffico…) che permettano di sviluppare il tema della trasparenza non come adempimento formale ma come occasione di dialogo fra Amministrazione e cittadinanza
single image